VENEZIA: LE DONNE SI MOBILITANO PER IL DIRITTO ALLA CASA

Da questa mattina un gruppo di donne e madri veneziane e i loro figli si sono accampate in campo dell’Erbaria, vicino a Rialto, per riportare l’attenzione sulla loro condizione, da circa due anni infatti queste donne sono costrette a vivere in alloggi Ater occupati, in condizione di estrema precarietà e con l’incubo costante dello sgombero. Queste donne rivendicano il diritto all’abitare e chiedono che venga posta l’attenzione sull’emergenza casa che da anni affligge venezia.

Noi del  collettivo VengoPrima! sostieniamo e facciamo anche nostra  la lotta delle donne di Santa Marta.

 
jòljml.

Riportiamo di qui sotto il comunicato delle donne e mamme veneziane:

—————————————————————————-

DONNE SULL’ORLO DI UNA CRISI DI NERVI

Da anni un gruppo di donne e madri, grazie anche all’insipienza e all’incapacità di questa Amministarzione Comunale e degli uffici Casa preposti, è costretto a vivere in alloggi Ater occupati, in condizioni di estrema precarietà, con l’incubo costante dello sgombero.  Non si tratta di cittadine extracomunitarie o di "perfide" rom, ma di giovani donne veneziane con figli minorenni nati sotto le ali del "leon".

Quando il diritto all’abitare diventa un privilegio non ci sono case nè per i cittadini stranieri nè per i veneziani.

La guerra tra poveri che così può innescarsi ostacola e preclude la soddisfazione di un diritto universale di cittadinanza come la casa.

Da giovedì 22 Maggio queste donne occupano simbolicamente uno spazio importante del centro storico di Venezia. 

Vengono difese e sostenute dal comitato Casa Santa Margherita, dal Sindacato Unine Inquilini, dai militanti del partito di Rifondazione Comunista. 

Si sono installate in uno dei salotti di Venezia perchè da anni sono accampate in attesa di un alloggio pubblico. Secondo questa Amministrazione, targata partito Democratico, le case pubbliche sono poche. Forse è anche vero ma se non si restaurano quelle vuote e si vendono 170 alloggi per acquistarne poi 30 (strepitoso il cespite di guadagno) quelle poche saranno sempre meno e l’emergenza casa non potrà che aumentare.   La precedenteAmministarzione comunale per casi analoghi era riuscita a trovare un’accordo con l’Ater – sanando di fatto situazioni di occupazione – dimostrando che si possono superare i limiti assurdi della Legge regionale vigente.

Reiterare il male è diabolico ma ripetere una cosa giusta è senz’altro un bene. 

Le donne che difendono il loro diritto all’abitare chiedono:

  •  un incontro urgente con il Sindaco Cacciari e con l’Assessora Mara Rumiz 
  • l’avvio da parte del Comune di Venezia di una trattativa con l’Ater e con la Giunta Regionale per sanare quei casi di occupazione evidentemente determinati da gravi problemi sociali
  • il ripristino del punto d’ascolto (URP) in Assessorato Casa per tutti gli utenti
  • il rilancio delle politiche comunali sul problema della casa 
donne e mammme veneziane

About vengoprima

Dal 2006 a Venezia ci battiamo contro il sessismo, l'omofobia, la lesbofobia, la violenza di genere attraverso ogni mezzo disponibile creando un discorso organico che vada dalle lotte sul territorio per la difesa dei diritti delle donne, alla comprensione di una soggettività più complessa e queer.
This entry was posted in MOBILITAZIONI. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *