Si sa che a noi le tette piacciono sempre

Condividiamo volentieri il video creato da Mu produzioni audiovisive a sostegno dell’Ospedale Valdese di Torino – considerato per la senologia una delle migliori strutture italiane – che la Regione vuole trasformare in casa di riposo: dallo scorso dicembre però non si sa più nulla del destino dell’ospedale.  YouTube e Facebook hanno rimosso il video per violazione della loro netiquette, ovvero contenuto sessuale e nudità: in realtà qui di porno purtroppo non ce n’é, ma lo pubblichiamo ugualmente con piacere.

Di seguito il testo dell’appello.

Nude per il Valdese: Salviamo l’Ospedale

Vogliono chiudere l’Ospedale Evangelico Valdese di Torino, punto di riferimento per la città e la provincia. Un polo di eccellenze che andrebbero disperse nel calderone delle Molinette, andando ad aggravare le già lunghe liste d’attesa per gli interventi. Perchè mentre si sono appena ristrutturate le sale operatorie, e la ristrutturazione ancora in corso con una spesa di oltre sei milioni di euro (nostri soldi), si vuole buttare tutto trasformando la struttura in una casa di riposo? Il Valdese opera ogni anno con 7.000 interventi chirurgici, segue 4500 malati oncologici, effettua 800.000 prestazioni di laboratorio, 600 interventi per tumore al seno. Numeri di tutto rispetto che non giustificano la chiusura del sito. Opponiamoci allo smantellamento della sanità in Piemonte, opponiamoci firmando la pertizione all’assessore Paolo Monferrino: non distruggiamo una struttura che funziona bene per ridurci a peregrinare nella megalopoli ospedale Molinette, dove non ultimo, l’umanità che dimostra quotidianamente il personale tutto, verrebbe annichilita.

About vengoprima

Dal 2006 a Venezia ci battiamo contro il sessismo, l'omofobia, la lesbofobia, la violenza di genere attraverso ogni mezzo disponibile creando un discorso organico che vada dalle lotte sul territorio per la difesa dei diritti delle donne, alla comprensione di una soggettività più complessa e queer.
This entry was posted in General, MOBILITAZIONI and tagged . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *