LOTTO MARZO LOTTO SEMPRE

A noi la mimosa non ci basta! L’8 marzo non può essere solo un giorno di festa o un rito: solo un giorno all’anno per ricordarsi delle donne a noi non va bene.

Ogni giorno noi lottiamo assieme a: Precarie con lavori a intermittenza, Mamme costrette a firmare licenziamenti in bianco, Lesbiche discriminate o costrette all’invisibilità assieme a Gay, Bisessuali, Trans, Queer e Intersessuali, Immigrate che si battono per il permesso di soggiorno, Studentesse che lottano per avere un futuro, Sex workers che vengono maltrattate, violentate, discriminate o moralmente denigrate.

In questo otto marzo vogliamo ribadire che la lotta per l’autodeterminazione non può avvenire solo un giorno all’anno, ma deve essere un processo continuo, costante e sempre visibile! Siamo vicine al movimento delle donne NO TAV in Val di Susa che lottano con i loro corpi in difesa del nostro territorio, siamo vicine alle donne che si battono per l’autodeterminazione dei propri corpi in Piemonte, Lombardia e Lazio, dove la legge 194 sull’interruzione volontaria di gravidanza è sotto attacco, minacciata dai Movimenti per la Vita nei consultori; siamo con le donne dell’OMSA e della Tacconi sud contro i licenziamenti, le delocalizzazioni e i tagli al welfare che danneggiano soprattutto le donne, che sono le prime a essere costrette a ritornare a casa e soprattutto siamo contro i femminicidi che i media riportano come raptus di follia o d’amore, e invece non sono altro che gesti di violenza machista e patriarcale sulla donna.

Per questo giovedì 8 marzo faremo delle incursioni cittadine per ribadire ancora una volta che:

LOTTO MARZO, LOTTO SEMPRE!

#lottomarzolottosempre

 

 

About vengoprima

Dal 2006 a Venezia ci battiamo contro il sessismo, l'omofobia, la lesbofobia, la violenza di genere attraverso ogni mezzo disponibile creando un discorso organico che vada dalle lotte sul territorio per la difesa dei diritti delle donne, alla comprensione di una soggettività più complessa e queer.
This entry was posted in appuntamenti, femminismi, MOBILITAZIONI, Precarietà&Genere, Violenza di genere. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *