BOICOTTA IL REGGAE OMOFOBO E SESSISTA

SGVSB

http://nonsoloreggae.noblogs.org/ 


Negli ultimi anni si sono sviluppate nel mondo, e più recentemente anche in
Italia, delle campagne di controinformazione e boicottaggio nei confronti
di quel filone della musica reggae che fa apertamente apologia
antiomosessuale e diffonde messaggi di discriminazione omofobica/sessista.

La mobilitazione ha portato all¹annullamento di molte date in alcuni paesi
quali UK, Usa, Canada e l¹anno scorso anche in Italia, di alcuni tra i più
famosi esponenti della scena reggae: SIZZLA, BENNIE MAN, CAPLETON, BOUNTY
KILLER, T.O.K., BUJU BANTON etc.

(n.b.: Sizzla e Capleton sono famosi nel mondo per le loro canzoni intrise
di fondamentalismo religioso, che inneggiano al rogo di gay e lesbiche e che
condannano le forme di sessualità non consone ai dettami biblici alla
perpetua dannazione e all’infinita maledizione di dio e degli uomini).

L¹establishment del business musicale preoccupato dalla diffusione del
boicottaggio e soprattutto di salvaguardare i suoi profitti (visto che
alcuni sponsor cominciavano a farsi indietro) è corso ai ripari imponendo il
³compassionate act², un capolavoro di buonismo ipocrita dove gli stessi
cantanti che fino al giorno prima esprimevano il loro odio omofobico e
sessista si impegnavano a diffondere un messaggio di pace e amore.
Un espediente per mettere a posto le coscienze dei business-men e di tutti
gli ingenui che così potranno ancora acclamare i loro idoli.
Inutile aggiungere che il ³compassionate act² è stato ripetutamente violato
in molti concerti.

Il nostro non è un appello che mira alla censura, strumento obsoleto e
paranoico, quanto ad una presa di posizione trasparente e priva di ambiguità
nei confronti di chi diffonde senza remore una musica omofoba e intimamente
fascista.
E¹ un appello che nasce anche dalla constatazione che spesso determinati
contenuti passano nei luoghi e nelle situazioni a noi più vicini come
compagn* vuoi per ingenuità, vuoi per ignoranza e vuoi per quieto vivere.

Inutile indignarsi di fronte alla visione di documentari come il recente
³Nazirock² se poi nelle dance-hall passano contenuti simili a quelli
cantati da un nazi qualunque.

La musica può essere un potente strumento liberatorio ma anche veicolo di
qualunquismo e sottomissione.

Questo appello vuole essere quindi uno strumento attraverso il quale possa
realizzarsi una piccola linea di demarcazione pratica dallo sprofondo etico
e culturale che ci circonda.

Non una campagna a difesa di illusori diritti ma un invito all¹azione
individuale e collettiva a partire dagli spazi sociali che ci sono più
vicini.

AGLI SPAZI SOCIALI-LUOGHI D’AGGREGAZIONE chiediamo che si impegnino a non
accettare:
* testi di contenuto omofobo e sessista.
* artisti che si siano contraddistinti per azioni omofobe o sessiste.
* contatti con crew che abbiano dei legami con tali artisti.
* dj che utilizzino brani di artisti omofobi e sessisti.
* dj o mc che inneggino o ripropongano tematiche omofobe e sessiste.
* gruppi, dj o mc che abbiano rapporti con altri che non si attengano ai
contenuti di questa policy.
E a non pubblicizzare gli eventi utilizzando immagini palesemente sessiste.

AI GRUPPI-DJ-MC chiediamo di impegnarsi a:
* Non eseguire testi omofobi o sessisti
* Non eseguire cover di artisti che si siano contraddistinti per azioni o
messaggi omofobi o sessisti.
* Non collaborare con artisti, crew, dj o mc che inneggino o ripropongano
tematiche o azioni omofobe o sessiste.
* Non partecipare ad eventi qualora gli organizzatori di questi non si
attengano ai contenuti di questa policy
* Non suonare in locali o spazi che non si attengano ai contenuti di questa
policy.
* Non usare immagini palesemente sessiste per promuovere il loro gruppo o le
loro iniziative.

AD ORGANIZZATORI-PROMOTORI DI EVENTI REGGAE chiediamo di impegnarsi a:
* Non avere contatti con artisti che ripropongono testi di contenuto
omofobico o sessista.
* Non avere contatti con artisti che si siano contraddistinti per azioni
omofobe o sessiste.
* Non avere contatti con crew che abbiano dei legami con tali artisti.
* Non avere contatti con dj che utilizzino brani di artisti omofobi e
sessisti.
* Non avere contatti con dj o mc che inneggino o ripropongano tematiche
omofobe e sessiste.
* Non avere contatti gruppi, dj o mc che abbiano rapporti con altri che non
si attengano ai contenuti di questa policy.
* Non accettare l’utilizzo di immagini palesemente sessiste per la
promozione di dischi, eventi o quant’altro.

Pubblicheremo in http://nonsoloreggae.noblogs.org/ e altrove in rete la
lista di chi sottoscrive questo appello.

Mandate la vostra adesione a nonsoloreggae@autistici.org

About vengoprima

Dal 2006 a Venezia ci battiamo contro il sessismo, l'omofobia, la lesbofobia, la violenza di genere attraverso ogni mezzo disponibile creando un discorso organico che vada dalle lotte sul territorio per la difesa dei diritti delle donne, alla comprensione di una soggettività più complessa e queer.
This entry was posted in MOBILITAZIONI. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *